Loading... Loading...

Chiesa Evangelica Coreana

La nuova Chiesa Evangelica Coreana di Roma nasce dal recupero del Cinema Folgore, una vecchia sala cinematografica del Quadraro. Decaduta nel tempo, era stata per un po’ utilizzata da Luca Ronconi come sala prove per i suoi spettacoli teatrali. La Chiesa Evangelica Coreana, che l’acquisì alcuni anni or sono, è una chiesa cristiana che costituisce uno dei principali luoghi di aggregazione della numerosa comunità coreana della capitale. Ospitata dalla St.Andrew’s Church of Scotland in via XX Settembre, era da tempo alla ricerca di una sede propria che le consentisse di svolgere in autonomia una serie di funzioni molto importanti per la sua comunità.

L’edificio, che all’inizio dei lavori si trovava in pessime condizioni, è stato recuperato con un budget molto esiguo. L’involucro murario esterno è stato mantenuto com’era, mentre al suo interno è stata realizzata una struttura in acciaio che s’innalza al di sopra di plinti di fondazione in cemento armato. Le falde dei tetti, quasi invisibili dalla strada, sono state sostituite nel rispetto della volumetria preesistente.
La sala principale è a doppia altezza ed è munita di un’ampia galleria sostenuta da una coppia di pilastri circolari, alle cui spalle è occultata una cabina di regia chiusa da una vetrata. La zona d’ingresso, sottostante la galleria, è pertanto ribassata; la balaustra, molto semplice ed economica, è stata realizzata in ferro e vetro per garantire la visibilità verso l’altare. Quest’ultimo è collocato in posizione rialzata su di un piedistallo (che dovrebbe in futuro essere integralmente rivestito in legno, secondo una delle prime ipotesi progettuali) ed è dominato da una grande quinta in cartongesso, che occupa tutta la parte absidale dell’aula, sulla quale è ritagliata una grande ed essenziale croce retroilluminata.
Fra le esigenze della comunità era quella di ottenere una buona acustica della sala principale:  gran parte della liturgia evangelica è infatti occupata, oltre che dalla lettura delle scritture, proprio dal canto corale. Una prima ipotesi progettuale prevedeva un pavimento in legno; scartata tale soluzione per motivi economici, l’acustica della grande aula a doppia altezza è stata esclusivamente affidata a semplici pennellature in cartongesso, fonoassorbenti in una certa percentuale, che la rivestono integralmente, occultando alla vista la struttura e gli impianti. I pannelli sono stati montati seguendo un disegno tale da garantire, pur nella sua assoluta semplicità, una diffusione ottimale dei suoni. I corpi  illuminanti sono per lo più direzionati verso l’altare, che è anche attrezzato per le videoproiezioni.
Oltre all’ambiente principale, la fabbrica contiene, ai suoi tre livelli principali, un’ampia hall d’ingresso, una mensa, una cucina, alcune sale per le riunioni, uffici, depositi e, naturalmente i servizi. Altre aule sono utilizzate per ospitare i bambini della comunità, che possono godere di un grande terrazzo affacciato sulle corti interne.

Luogo

Roma, Quadraro

Anno

2006-2009

Stato

Realizzato

Committente

Chiesa Evangelica Coreana di Roma ONLUS